Contenuto protetto
Per visualizzare il dettaglio del contenuto è necessario autenticarsi.
Ok
 

Comunicati stampa

 
A A A
 
tower-model:MA1-56
CONTROLLI
false
false
true
true
true
true
true
true
PID = ${pid}
hashIndex = ${hashIndex}
newSeed = ${newSeed}
seed = bflWNfmmJHkARTNh9yVAzfS02Nb9jXmPKYd8i0SyEc0ODQDmQHbF449yes9QMj5BILisd1FEAP42W12pSf17wyLdGjr0GMTyK2sFQ9FhnS9tSVkeCBcviXRjsm9ZPqz7zRdsvCqpyCq5Wp9E72z8Wm7Cbk4FlSxdISzfMp0Tpmrs3lUnyLYNPO8Pcm2SGHJk0RNe8fby
can-view = false
Comunicati stampa
25
lug
2020
L'Assemblea generale di Unindustria pone lo sguardo agli scenari Post-Covid
 
$titolo

Si è svolta nei giorni scorsi l’Assemblea Generale di Unindustria Reggio Emilia, riservata agli Associati, un importante momento di condivisione in una situazione congiunturale molto difficile, come quella che anche il mondo imprenditoriale reggiano sta vivendo.

L'incontro, come da prescrizioni sanitarie di contenimento della pandemia, è stato realizzato in live streaming, permettendo così agli industriali reggiani di incontrarsi virtualmente al fine di approvare il bilancio del 2019 e di confrontarsi in merito agli scenari economici post Covid.

Ospite dell'evento, il noto economista Luca Paolazziche ha dialogato con il Presidente Fabio Storchidelineando lo scenario globale, attraverso l’analisi della correlazione tra epidemia ed economia nei paesi di maggior industrializzazione, l’impatto delle politiche europee sull'economia nazionale, le dinamiche necessarie per recuperare crescita e competitività ed infine i nuovi trend che guideranno i processi di innovazione e sviluppo.

È stato un piacere poter ospitare Luca Paolazzi in occasione della nostra Assemblea. In questa situazione di incertezza è importante che gli imprenditori possano comprendere al meglio quello che sta accadendo nell’economia globale e quali saranno i nuovi trend – afferma il Presidente di Unindustria Fabio Storchi - La ripresa sarà faticosa. A metà 2020 il quadro economico e sociale in Emilia-Romagna si presenta infatti eccezionalmente difficile e incerto, in linea con il Paese. A partire dal febbraio scorso l’impatto delle misure di contenimento della crisi sanitaria generata dal Covid-19 si è sovrapposto ad un rallentamento congiunturale osservato già a partire da fine 2019, facendo registrare un -20,4% per la produzione industriale nei mesi gennaio-maggio 2020 rispetto lo scorso anno. Il fatturato è sceso del -19,2%, gli ordini totali del -21,1%, con un calo più accentuato per la domanda interna (-23,4%) rispetto a quella estera (-20,2%). Le previsioni indicano che i paesi più virtuosi torneranno ai livelli di PIL precedenti all’emergenza Covid in due anni, mentre Prometeia prevede che all’Italia serviranno almeno 5 anni per tornare ai livelli di attività pre-Covid”.

“Personalmente sono fiducioso che il sistema economico e produttivo reggiano e le nostre imprese sapranno reagire a questa crisi senza precedenti. – conclude Storchi – Reggio Emilia è luogo di innovazione e grazie alla visione, alla tenacia e alla determinazione dei nostri imprenditori, saremo capaci anche questa volta di risalire la china e di riprendere posizioni di assoluto rilievo a livello nazionale e internazionale”.

 

____________________________

Luca Paolazzi è economista, partner di REF Ricerche di Milano e advisor di Ceresio investors. È stato Direttore del Centro Studi Confindustria dall’ottobre 2007 al febbraio 2018 e giornalista presso il Sole 24 ore. È stato anche economista presso l’ufficio Studi FIAT, nonché autore di numerose pubblicazioni di economia e vincitore di numerosi premi per il giornalismo economico.

 
ALLEGATI
DOWNLOAD VERSIONE .PDF