Contenuto protetto
Per visualizzare il dettaglio del contenuto è necessario autenticarsi.
Ok
 

Notizie dalle imprese

 
 
A A A
 
tower-model:MA1-41
CONTROLLI
true
true
true
true
true
true
true
true
PID = ${pid}
hashIndex = ${hashIndex}
newSeed = ${newSeed}
seed = bflWNfmmJHkARTNh9yVAzfS02Nb9jXmPKYd8i0SyEc0ODQDmQHbF449yes9QMj5BILisd1FEAP42W12pSf17wyLdGjr0GMTyK2sFQ9FhnS9tSVkeCBcviXRjsm9ZPqz7zRdsvCqpyCq5Wp9E72z8Wm7Cbk4FlSxdISzfMp0Tpmrs3lUnyLYNPO8Pcm2SGHJk0RNe8fby
can-view = false
Notizie dalle imprese
07
giu
2018
Presentato il progetto Jump al Tecnopolo.
 
$titolo

Si è tenuta nei giorni scorsi al Tecnopolo di Reggio Emilia la presentazione del Progetto Jump che portato alla realizzazione di una piattaforma sensorizzata, che comprende una pedana di forza, telecamere per il tracciamento multi-target dell’utente e un’applicazione di visualizzazione.
La piattaforma raccoglie dati relativi a soggetti in azione durante prestazioni sportive e attività in ambito educativo e terapeutico, integrare ed elaborare i dati raccolti e fornirli ad applicazioni di visualizzazione per consentirne una fruizione efficace ed ergonomica.
Durante i due anni di lavoro abbiamo avuto modo di mettere insieme competenze e ambiti di ricerca diversi, che hanno arricchito il progetto di prospettive innovative e interessanti. Fare rete per noi ha significato mettere in campo esperienze, idee, abilità diverse a tutti I livelli, e questa commistione si è verificata anche nei singoli gruppi di lavoro, dalle risorse senior a quelle junior, in una prospettiva di crescita continua” - ha riferito Roberto Montanari di RE:Lab, coordinatore del progetto.
Il progetto Jump ha saputo tenere insieme innovazione e bisogni della società, tecnologia, pratica e fruizione dello sport, sensoristica innovativa applicate al benessere e alla riabilitazione, alla prevenzione, al gioco educativo e big data. Un’ integrazione che si è cercata e trovata nei risultati e si è manifestata nella modalità di lavoro che ha previsto il pieno coinvolgimento delle imprese. Abbiamo dimostrato che costruire partenariati, anche di carattere multidisciplinare può portare a risultati di assoluto rilievo scientifico, ma soprattutto industriale, che è l’aspetto per noi più rilevante” - ha commentato l’assessore regionale alle attività produttive Palma Costi, che ha aperto i lavori.
Il partenariato, come sottolineato in molti interventi, include soggetti appartenenti a vari ambiti disciplinari e mette insieme prospettive di ricerca differenti, laboratori diversi e un parterre industriale rilevante appartenente al territorio.
I partner di progetto sono: Re-Lab, coordinatore di progetto, Laboratorio di Ricerca Industriale e Trasferimento Tecnologico della Rete Alta Tecnologia e azienda attiva da oltre 15 anni nella progettazione e sviluppo di Human Machine Interface (HMI), con sede a Reggio Emilia; Intermech, Centro Interdipartimentale per la Ricerca Applicata e i Servizi nel Settore della Meccanica Avanzata e della Motoristica della Rete Alta Tecnologia; Softech-Ict, Centro Interdipartimentale di Ricerca in ICT per le Imprese dell'Università di Modena e Reggio Emilia e laboratorio accreditato della Rete Alta Tecnologia, leader in materia di visione artificiale; Fondazione Democenter-Sipe, centro accreditato per l'innovazione della Rete Alta Tecnologia.
Nel progetto sono coinvolte anche due aziende del territorio reggiano: Waterproofing, leader nella pavimentazione sportiva; e Play+, leader nell’arredo e nelle installazioni per l’infanzia.

 
DOWNLOAD VERSIONE .PDF