Contenuto protetto
Per visualizzare il dettaglio del contenuto è necessario autenticarsi.
Ok
 

Notizie dalle imprese

 
A A A
 
tower-model:MA1-41
CONTROLLI
true
true
true
true
true
true
true
true
PID = ${pid}
hashIndex = ${hashIndex}
newSeed = ${newSeed}
seed = bflWNfmmJHkARTNh9yVAzfS02Nb9jXmPKYd8i0SyEc0ODQDmQHbF449yes9QMj5BILisd1FEAP42W12pSf17wyLdGjr0GMTyK2sFQ9FhnS9tSVkeCBcviXRjsm9ZPqz7zRdsvCqpyCq5Wp9E72z8Wm7Cbk4FlSxdISzfMp0Tpmrs3lUnyLYNPO8Pcm2SGHJk0RNe8fby
can-view = false
Notizie dalle imprese
23
giu
2020
Con una riconversione della produzione MM Operations realizza mascherine idrorepellenti e riutilizzabili
 
$titolo

Da oltre trent’anni MM Operations si occupa di logistica integrata ed ha sviluppato competenze distintive e specifiche nella gestione strategica di interi flussi produttivi per progetti complessi e molteplici categorie merceologiche. Unico esempio di verticalizzazione dei servizi per la supply chain, con presidio su ogni fase, senza interlocutori, è leader nel’outsourcing e nelle terzializzazioni in house.

Quando MM Operations si è trovata con l’85% della propria forza lavoro in cassa integrazione e un’operatività a volumi di lavoro ridotti, la prima azione intrapresa è stata quella di riconvertirsi alla produzione di mascherine. Storicamente è sempre avvenuto, in un momento di emergenza nazionale, che il tessuto economico si attrezzi per sostenere il Paese. Le mascherine, ad esempio, sono tra i prodotti di cui c’era e c’è più necessità. Da questo bisogno è nata questa riconversione. A fronte della difficoltà di approvvigionamento per tutelare i suoi 1.000 addetti, MM Operations ha optato (con un core business basato principalmente sul tessile), per riadattare la propria operatività.

Occorre flessibilità e prontezza per poter attuare una riconversione produttiva in tempi agili. “Il decreto ci permetteva di lavorare come logistica,” ha spiegato Maurizio Beretti, presidente del CDA di MM Operations, “ma aveva bloccato le altre attività che svolgiamo nel fornire logistica integrata alla fashion supply chain. Erano state sospese attività di controllo qualità, sia materie prime che prodotti finiti, così come tutte le attività di ricondizionamento e la creazione campionature che per noi occupano interi reparti”.

MM Operations, nonostante la difficile situazione economica, ha riconvertito in due settimane un suo hub in San Martino in Rio (RE), dedicato precedentemente al settore moda, per produrre mascherine. “Dopo un primo impulso dettato dal far fronte alla nostra esigenza interna, ci siamo concentrati sull'adattamento della nostra attività per poter continuare a lavorare” spiega il Presidente. “Ho creduto di dare stimolo alle nostre risorse in un momento di grande difficoltà. Abbiamo insegnato e stiamo insegnando a persone, che diversamente sarebbero state o sarebbero in cassa interazione, a fare un mestiere nuovo, acquisendo un’artigianalità molto richiesta perché oggigiorno difficile da trovare. Siamo consci delle difficoltà e conseguenti spese che l’azienda ha sostenuto, ma la stessa azienda è stata mossa in primis dalla volontà di munire la propria manodopera di dispositivi di qualità e made in Italy.

Questo nuovo tipo di operatività richiede un nuovo mindset basato sul fare propria la trasformazione che stiamo vivendo. Alla base di questa strategia, è stato posto un preciso concetto di responsabilità sociale intensa come esigenza di produrre ciò che fa stare “bene”, non solo le risorse stesse ma anche chi “consumerà” il prodotto finale.

Con la coordinazione di figure quali: project manager, operation manager e head of compliance, si è optato per un’operazione strategica volta a riportare le caratteristiche tecniche del TNT all’interno di una fibra di cotone più adatta al contatto con la pelle, riuscendo ad ottenere mascherine anti-goccia, traspiranti, filtranti e vicine all’ambiente, quindi riutilizzabili.

Le #Masks4All di MM Operations sono in cotone al 97% e Spandex al 3%. Il tessuto viene trattato con particolare finissaggio che ne determina la idrorepellenza e la resistenza agli schizzi. La mascherina viene messa in commercio sanificata, ha una permeabilità all’aria it/min/cmq è pari a 1,21- 1,30 (CARATTERISTICA DELLE FFP1 permeabilità all’aria it/mi/cmq 1,28); BFE > 98 (caratteristica delle mascherine chirurgiche tipo II); Bioburden < 30 (caratteristica delle mascherine chirurgiche tipo II); Splash Test positivo (caratteristica delle mascherine chirurgiche tipo IIR); Biocompatibilità conforme agli standard.

Nel tempo sono state studiate tre misure: adulto, teens 6-12 e kids 3-6 anni, oltre alle versioni fashion disegnate da tre artisti locali: Daniel Bund, Iller Incerti e Fabio Iemmi. Si tratta di un prodotto certificato ISO 9001:2015, in attesa della certificazione chirurgica IIR e realizzato ai sensi dell’art. 16 c. 2 D.L. 17/03/2020 n. 18 e GDMP/0003572/P/18/03/2020 Ministero della Salute nonché della Direttiva 2001/95/CE. Il limite di utilizzo è fino a 20 lavaggi o comunque finché mantiene la sua caratteristica antigoccia.

In prima battuta MM Operations ha donato 3.500 mascherine al Comune di San Martino in Rio dove è sito il magazzino di produzione, successivamente con la donazione dei modelli #MasksBundEdition, ha contribuito al Progetto Ambulanza Pediatrica dell’Associazione Biblioteca del Gufo per il reparto di Oncologia pediatrica del Politecnico di Modena.

Ad oggi, le mascherine sono già stata introdotte al mercato esterno e implementate anche con la produzione di visiere in PVC ad alta trasparenza.

 
DOWNLOAD VERSIONE .PDF