Contenuto protetto
Per visualizzare il dettaglio del contenuto è necessario autenticarsi.
Ok
 

Notizie dalle imprese

 
 
A A A
 
tower-model:MA1-41
CONTROLLI
true
true
true
true
true
true
true
true
PID = ${pid}
hashIndex = ${hashIndex}
newSeed = ${newSeed}
seed = bflWNfmmJHkARTNh9yVAzfS02Nb9jXmPKYd8i0SyEc0ODQDmQHbF449yes9QMj5BILisd1FEAP42W12pSf17wyLdGjr0GMTyK2sFQ9FhnS9tSVkeCBcviXRjsm9ZPqz7zRdsvCqpyCq5Wp9E72z8Wm7Cbk4FlSxdISzfMp0Tpmrs3lUnyLYNPO8Pcm2SGHJk0RNe8fby
can-view = false
Notizie dalle imprese
11
lug
2017
Azeta: 50 anni sulla strada delle sfide.
 
$titolo

Azeta quest’anno celebra cinquant’anni, mezzo secolo di sfide superate con successo da un’azienda unica nel panorama imprenditoriale reggiano.
In primis per il mercato di riferimento: una nicchia molto competitiva i cui players si trovano prevalentemente all’estero.
Azeta progetta e produce, dal 1967, minuteria di precisione per l’oleodinamica e la meccanica in genere. Settore nel quale ci si afferma attraverso una qualità e precisioni meticolose, caratteristiche di prodotto non sufficienti senza un’attitudine manageriale all’innovazione.
La stessa che Zeo Asioli, fondatore e titolare di Azeta, un tempo definiva curiosità, riferendosi a sé.
Curiosità e passioni personali tradotte immediatamente in ricerca e best practices aziendali.
I risultati non tardano ad arrivare: nel 1977 la prima medaglia d’oro al Salone Internazionale di Ginevra è conferita a una valvola per impianti di lubrificazione.
Negli anni Ottanta sono progettate e richieste macchine ad alta produttività, customizzate per appositi prodotti.
La crescita continua: nei primi anni Novanta entrano i figli Andrea e Stefano che, insieme al padre, diventano pionieri nell’investire in robot e domotica. La sede inaugurata nel 2005 vanta, infatti, un magazzino verticale automatizzato, progettato su misura.
Brevetti, macchine speciali di produzione e collaudo assestano l’obiettivo già raggiunto degli ‘zero scarti.’
In piena crisi economica, Azeta si espande sul mercato statunitense e nel 2015 entra pure nella storia della robotica industriale accogliendo il primo robot collaborativo a due bracci, per il montaggio di piccoli pezzi.
I numeri: 4 milioni di fatturato nel 2016, trenta dipendenti, una grande famiglia, quella degli Asioli e quella aziendale, uniti in un clima di rispetto e collaborazione.
C’è di cui festeggiare: a settembre un open day e una ‘cena evento’ celebreranno le sfide raccolte, le tappe e i successi che certamente l’azienda incontrerà sulla sua strada.

 
DOWNLOAD VERSIONE .PDF