Contenuto protetto
Per visualizzare il dettaglio del contenuto è necessario autenticarsi.
Ok
 

News

 
 
A A A
 
tower-model:MA1-31
CONTROLLI
false
true
true
true
true
true
true
true
PID = ${pid}
hashIndex = ${hashIndex}
newSeed = ${newSeed}
seed = bflWNfmmJHkARTNh9yVAzfS02Nb9jXmPKYd8i0SyEc0ODQDmQHbF449yes9QMj5BILisd1FEAP42W12pSf17wyLdGjr0GMTyK2sFQ9FhnS9tSVkeCBcviXRjsm9ZPqz7zRdsvCqpyCq5Wp9E72z8Wm7Cbk4FlSxdISzfMp0Tpmrs3lUnyLYNPO8Pcm2SGHJk0RNe8fby
can-view = false
News
06
ott
2017
Rilanciare i consumi in Germania, a vantaggio degli stessi risparmiatori tedeschi.
 
$titolo

Le esportazioni nette tedesche sono a livelli record (8,6% nel 2016 il massimo dall'unificazione).
L'eccessivo surplus dei conti con l'estero mette a repentaglio la crescita europea e danneggia gli stessi tedeschi.
I salari in Germania, infatti, sono cresciuti meno di quanto sarebbero potuti crescere in seguito ai guadagni di produttività, sfavorendo i consumi delle famiglie.
Siamo in una fase delicata che richiede un rinnovato sforzo congiunto di riequilibrio sostenibile dei fondamentali economici dell'Europa e la presa di coscienza che nessuno si salva da solo.
Se è vero che i paesi periferici devono continuare a fare i compiti a casa, proseguendo lungo la strada delle riforme strutturali, è anche vero che gli sforzi potrebbero essere vani in assenza di una decisa politica tedesca di rafforzamento dei salari e dei consumi.
Il consueto vertice di Bolzano del 19 ottobre con la BDI, l'associazione degli imprenditori tedeschi, sarà l'occasione per confrontarsi anche su queste tematiche.

Leggi la nota completa.

 
ALLEGATI
DOWNLOAD VERSIONE .PDF