Contenuto protetto
Per visualizzare il dettaglio del contenuto è necessario autenticarsi.
Ok
 

News

 
A A A
 
tower-model:MA1-31
CONTROLLI
false
true
true
true
true
true
true
true
PID = ${pid}
hashIndex = ${hashIndex}
newSeed = ${newSeed}
seed = bflWNfmmJHkARTNh9yVAzfS02Nb9jXmPKYd8i0SyEc0ODQDmQHbF449yes9QMj5BILisd1FEAP42W12pSf17wyLdGjr0GMTyK2sFQ9FhnS9tSVkeCBcviXRjsm9ZPqz7zRdsvCqpyCq5Wp9E72z8Wm7Cbk4FlSxdISzfMp0Tpmrs3lUnyLYNPO8Pcm2SGHJk0RNe8fby
can-view = false
News
07
dic
2016
La startup Cubbit, selezionata da UpIdea Startup Program, vince il Premio growITup ICT del PNI2016.
 
$titolo

Lo scorso 2 dicembre Cubbit, una delle startup selezionate da UpIdea Startup Program, ha vinto il Premio growITup ICT (tecnologie dell’informazione e dei nuovi media) della XIV edizione del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), la più grande e capillare business plan competition italiana  - ospitata quest’anno dall’Università di Modena e Reggio Emilia - che premia, in particolare, le idee imprenditoriale provenienti dal mondo della ricerca.

Cubbit -  http://www.cubbit.net - è un piccolo server domestico: collega gli hard disk esterni per trasformarli nello spazio cloud più innovativo, sicuro ed economico che esiste sul mercato. “Con una particolarità: più se ne connettono e più spazio si occupa, meno si paga – specifica l’amministratore Marco Moschettini – per ogni TB connesso si ottengono 500GB di puro cloud. Presenta inoltre numerosi vantaggi rispetto al cloud tradizionale: quando si spegne il device, ad esempio, i file continuano a sincronizzarsi e nessun altro può accedere e gestire i dati personali salvati.” Grazie ad un algoritmo di ridondanza distribuita dei dati, tutti i Cubbit comunicano tra di loro e creano il “cloud distribuito”: una rete orizzontale intelligente che abbatte i costi di mille volte, perché non ha bisogno di giganteschi server centrali per funzionare. Oltre a quella con Unindustria Reggio Emilia, sono già in corso partnership con dPixel, ASTER, Luiss Enlabs, Gruppo Barletta.

Il PNI – a cui concorrono i migliori progetti d’impresa innovativa vincitori delle 16 competizioni regionali (StartCup) che coinvolgono oltre 40 tra università, incubatori e istituzioni – ha visto quest’anno la partecipazione di 3.440 neoimprenditori, per un totale di 1.171 idee e 511 business plan presentati.
I vincitori sono stati selezionati tra le 65 startup finaliste da una qualificata Giuria composta da 48 esponenti d’eccellenza del mondo dell’impresa, della ricerca universitaria e del venture capital, sulla base di criteri come originalità dell’idea imprenditoriale, realizzabilità tecnica, interesse per gli investitori, adeguatezza delle competenze del team, attrattività per il mercato.

Oltre a Cubbit hanno vinto il PNI2016 per la rispettiva categoria:

  • Premio Chiesi FarmaceuticiLIFE SCIENCES (miglioramento della salute delle persone) e VINCITORE ASSOLUTO del PNI 2016:Panoxyvir - http://www.panoxyvir.com - (StartCup Piemonte Valle d’Aosta)
  • Premio IREN CLEANTECH & ENERGY(miglioramento della sostenibilità ambientale):Re3cube -http://www.re3cube.com - (StartCup Piemonte e Valle d’Aosta)
  • Premio BPER Banca INDUSTRIAL(produzione industriale innovativa dal punto di vista tech o di mercato): ResourSEAs (StartCup Sicilia)

Tra le 4 finaliste di quest’ultima categoria anche IndioTEch http://www.indiotech.com/  che con il suo MST - un sensore innovativo che monitora in diversi contesti lo stress dei componenti meccanici di mezzi di movimento a terra, sviluppato da 2 ingegneri della provincia di Reggio Emilia - ha vinto la Start Cup Emilia Romagna.

 
ALLEGATI
DOWNLOAD VERSIONE .PDF