Contenuto protetto
Per visualizzare il dettaglio del contenuto è necessario autenticarsi.
Ok
 

News

 
A A A
 
tower-model:MA1-31
CONTROLLI
true
true
true
false
true
false
false
true
PID = ${pid}
hashIndex = ${hashIndex}
newSeed = ${newSeed}
seed = bflWNfmmJHkARTNh9yVAzfS02Nb9jXmPKYd8i0SyEc0ODQDmQHbF449yes9QMj5BILisd1FEAP42W12pSf17wyLdGjr0GMTyK2sFQ9FhnS9tSVkeCBcviXRjsm9ZPqz7zRdsvCqpyCq5Wp9E72z8Wm7Cbk4FlSxdISzfMp0Tpmrs3lUnyLYNPO8Pcm2SGHJk0RNe8fby
can-view = false
News
08
ago
2019
"Giornata del Sacrificio del Lavoro Italiano nel mondo”
 
$titolo

Otto e mezzo del mattino dell’8 agosto 1956. Una gigantesca voluta di fumo nero si sprigiona dalla miniera di carbone di Bois du Cazier, a ridosso di Marcinelle, nel comune di Charleroi in Belgio. Muoiono 262 minatori e di questi 136 sono italiani.
Fabio Storchi, Presidente di Unindustria Reggio Emilia, in occasione della “Giornata del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo” ha detto: “Marcinelle ci ricorda un drammatico incidente sul lavoro. Credo che il modo migliore per farne memoria sia quello di investire costantemente nella cultura della sicurezza dei posti di lavoro e dei lavoratori. Inoltre Marcinelle è anche una tragedia dell’immigrazione, fenomeno mai così attuale, nel nostro Paese come ai giorni nostri. Onoriamo questi caduti, simbolo del lavoro italiano nel mondo, e manteniamo vivo il senso di riconoscenza per i sacrifici affrontati da tutti i lavoratori italiani, emigrati alla ricerca di un futuro migliore per sé e per le proprie famiglie. Le loro fatiche hanno contribuito a edificare un continente capace di lasciarsi alle spalle le devastazioni della Seconda Guerra Mondiale e di offrire alle generazioni più giovani un futuro di pace, di crescita economica, di maggiore equità sociale”.

 
DOWNLOAD VERSIONE .PDF
PER INFORMAZIONI
Area
Area Comunicazione
Referenti

TEL 0522 409723
FAX 0522 409793